Seguici su

Tutte le notizie

Dubbi su accordo per cessate il fuoco. Israele prende il controllo del valico di Rafah

Pubblicato

in

Gaza Palestina Hamas, bombardamenti pixabay

Secondo quanto riportato da fonti palestinesi e ripreso da Ynet, veicoli blindati delle Forze di Difesa Israeliane (IDF) hanno varcato la recinzione di confine nell’area di Kerem Shalom e si stanno spostando verso i quartieri a est della periferia di Rafah. Le stesse fonti indicano che si verificano sporadici spari di carri armati e bombardamenti di artiglieria nella zona, con almeno 8 morti e numerosi feriti. Le IDF hanno confermato di aver preso il controllo del valico di Rafah sul lato di Gaza.

Le forze della 410ª Brigata israeliana hanno assunto il controllo del lato di Gaza del valico di Rafah questa mattina. Il valico con l’Egitto è ora isolato dalla strada principale di Salah a-Din nella parte orientale della città di Rafah, la quale è stata conquistata dalla Brigata Givati durante l’offensiva della notte precedente. Secondo quanto riportato dai media, le IDF indicano che circa 20 miliziani armati sono stati uccisi e che sono stati individuati tre ingressi significativi di tunnel.

In precedenza, rapporti hanno affermato che l’esercito israeliano ha raggiunto il valico di Rafah nel lato di Gaza, interrompendo le spedizioni umanitarie. Questo è stato riportato da Haaretz. La rete televisiva Canale 12 ha diffuso un video sui social media che mostra un carro armato israeliano avanzare nel lato di Gaza del valico di Rafah, al confine con l’Egitto. Finora, le IDF non hanno fornito dettagli sulle operazioni avviate dalla sera precedente nella parte orientale di Rafah, salvo annunciare che stavano agendo contro obiettivi di Hamas nella zona. Finora, non ci sono state conferme ufficiali da parte delle IDF.

L’invasione via terra di Rafah sarebbe “intollerabile” per le sue “devastanti conseguenze umanitarie e l’impatto destabilizzante nella regione”, ha dichiarato il segretario generale dell’ONU Antonio Guterres durante un incontro con il presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Guterres ha ricordato di aver lanciato un “forte appello a Israele e a Hamas affinché raggiungano un accordo vitale, un’opportunità che non può essere persa”.

Nel frattempo, l’esercito israeliano ha annunciato la morte di due soldati riservisti uccisi ieri a Metulla, nel nord del Paese, da un drone esplosivo degli Hezbollah. Il portavoce militare ha identificato le vittime come Dan Kamkagi (31 anni) e Nahman Natan Hertz (31 anni) della 551ª Brigata. Il bilancio dei soldati caduti dallo scorso ottobre sul fronte nord è ora di 13, ai quali si aggiungono nove civili uccisi negli attacchi da parte degli Hezbollah.

CLICCA PER COMMENTARE

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

For security, use of Google's reCAPTCHA service is required which is subject to the Google Privacy Policy and Terms of Use.

I agree to these terms.

GLI ARTICOLI PIU' LETTI

©2020 Joint Srl · p.i. 03293900795