Seguici su

Cronaca

Milano, Daniela Santanchè coinvolta in un’altra inchiesta: falso in bilancio per “Visibilia”

Pubblicato

in

Santanchè senato

La Procura di Milano ha chiuso il filone di inchiesta sul dissesto di Visibilia, coinvolgendo Daniela Santanchè, ex presidente della società, in una richiesta di processo per falso in bilancio. Tra i 20 indagati figurano anche società collegate e persone vicine a Santanchè, come la sorella, la nipote, il compagno e l’ex compagno. Le società Visibilia sono state indagate per responsabilità amministrativa, ma l’accusa di bancarotta è stata stralciata in attesa di una possibile richiesta di archiviazione.

Sono emersi anche altri casi: Santanchè è accusata di truffa all’Inps per la gestione della cassa integrazione durante il periodo Covid. Visibilia Editore è finita in amministrazione giudiziaria con irregolarità e potenziale inquinamento nei bilanci. Le indagini hanno evidenziato discrepanze nei bilanci e nell’uso della cassa integrazione, attribuendo la responsabilità a Santanchè e al compagno Dimitri Kunz, che amministravano la società in quel periodo.

La ministra Santanchè ha respinto tutte le accuse. Nel frattempo, è stata esaminata la documentazione bancaria riguardante la compravendita della villa di Forte dei Marmi di Francesco Alberoni, acquistata da Kunz e Laura De Cicco, moglie del presidente del Senato Ignazio La Russa, e poi rivenduta a un amico imprenditore.

CLICCA PER COMMENTARE

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

For security, use of Google's reCAPTCHA service is required which is subject to the Google Privacy Policy and Terms of Use.

I agree to these terms.

GLI ARTICOLI PIU' LETTI

©2020 Joint Srl · p.i. 03293900795