Seguici su

Cronaca

Scontri di Pisa, Salvini: “Parole di Mattarella non si commentano, si leggono”

Pubblicato

in

“Le parole del presidente si leggono ma non si commentano”. Il leader leghista e vice presidente del consiglio, Matteo Salvini, ha risposto così – per tre volte – a chi gli chiedeva, a margine della scuola politica della Lega, un commento sulle parole del capo dello Stato Sergio Mattarella in merito agli scontri di Pisa. Poi, ha aggiunto: “Certo è sempre meglio che non ci siano scontri. Poliziotti e carabinieri sono quotidianamente vittime di violenza fisica e verbale. Anche in quella piazza. Se mio figlio andasse a urlare ‘sbirro coglione’ poi se la dovrebbe vedere con me”. A suo avviso “chi mette le mani addosso a un poliziotto o a un carabiniere è un delinquente”.

“Fare il poliziotto, il carabiniere, il vigile del fuoco – ha sottolineato ancora Salvini – è un mestiere delicato. Chiunque può sbagliare, ma quello che non posso accettare è la messa all’indice della polizia italiana come un corpo di biechi torturatori. Anche perchè se si va in piazza con tutti i permessi, senza insultare, sputare, spintonare, non si ha nessun tipo di problemi. Bene ha fatto Piantedosi – ha quindi concluso – faremo tutti gli accertamenti del caso”.

CLICCA PER COMMENTARE

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

For security, use of Google's reCAPTCHA service is required which is subject to the Google Privacy Policy and Terms of Use.

I agree to these terms.

GLI ARTICOLI PIU' LETTI

©2020 Joint Srl · p.i. 03293900795