Seguici su

Cronaca

Suicidio assistito: praticato in Svizzera su donna di Torino dopo che aveva perso figlio adolescente

Pubblicato

in

Suicidio assistito ago endovena iniezione pixabay

Una donna di 55 anni, con un impiego in ambito scientifico a Torino, si è rivolta a un’associazione in Svizzera per il suicidio assistito ed è morta lo scorso 12 ottobre. I familiari non sono stati coinvolti, tranne per il fatto che un’ora prima della morte, il suo avvocato ha ricevuto un sms da un numero anonimo, con le ultime volontà: “Per favore, vai a casa, stacca le utenze, regala i miei vestiti in beneficenza e affida a mio marito l’urna con le ceneri di nostro figlio”. Al marito della donna è arrivata dalla clinica una mail, a suicidio avvenuto, che è finita nello spam della cassetta di posta elettronica dell’uomo. Alcuni giorni dopo gli è stata recapitata l’urna con le ceneri con un certificato di morte senza riportare una causa.

“Già a luglio – ricostruisce il marito, imprenditore che risiede in Canada per lavoro – mia cognata aveva scoperto che Marta stava andando in una clinica svizzera nella quale si pratica il suicidio assistito. Abbiamo raggiunto Marta – aggiunge – e l’abbiamo fatta ragionare. Ci aveva tranquillizzati, assicurandoci di avere accantonato l’idea”. La clinica, viene riportato, è a Basilea e il marito e la sorella di lei avevano cercato invano di contattarli per spiegare che nel gennaio del 2023 era morto il figlio adolescente per una malattia degenerativa, quindi la donna era seguita da uno psichiatra.

CLICCA PER COMMENTARE

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

For security, use of Google's reCAPTCHA service is required which is subject to the Google Privacy Policy and Terms of Use.

I agree to these terms.

GLI ARTICOLI PIU' LETTI

©2020 Joint Srl · p.i. 03293900795