Seguici su

Europa - Mondo

Israele annuncia accerchiamento di Khan Yunis: morti 21 soldati israeliani

Pubblicato

in

Netanyahu esercito israeliano vista

Le forze israeliane di terra hanno completato l’accerchiamento di Khan Yunis, la principale città nel settore meridionale della striscia di Gaza, ed hanno rafforzato la propria presenza al suo interno. Lo ha reso noto il portavoce militare. All’operazione, ha aggiunto, hanno partecipato unità di paracadutisti, della brigata Givati e mezzi blindati, assistiti da unità di commando. Quell’area – ha aggiunto il portavoce -è ritenuta una roccaforte della ‘Brigata Khan Yunis’ di Hamas. Nel corso delle operazioni, ha aggiunto il portavoce, ”abbiamo eliminato decine di terroristi e preso possesso di magazzini di armi”. L’esercito israeliano ha chiesto ai residenti di 6 rioni ad ovest della città di Khan Yunis di evacuare verso “la zona umanitaria” di Moassi sul mare, “attraverso Al-Bahar Street”. Lo ha fatto sapere il portavoce militare in arabo Avichai Adraee aggiungendo che l’invito è “per la sicurezza dei residenti”. Khan Yunis, roccaforte di Hamas nel sud della Striscia, è da stamane completamente accerchiata dall’esercito.

”Abbiamo vissuto uno dei giorni più pesanti dall’inizio del conflitto”, ma non per questo ”Israele smetterà di combattere fino alla vittoria totale”. Lo ha detto il premier israeliano Benyamin Netanyahu riferendosi all’esplosione che ha causato la morte di 21 soldati ad Almaazi, nel centro della Striscia di Gaza. ”Sono cosciente che la vita delle famiglie degli eroici soldati caduti – ha aggiunto – cambierà per sempre. Io provo dolore per queste perdite e abbraccio i parenti dei nostri militari”. Il premier ha confermato che sulla vicenda è stata aperta una indagine da parte dell’esercito.

Ventuno soldati sono rimasti uccisi la scorsa notte nei combattimenti in corso a Khan Yunis, a sud di Gaza, aveva reso noto il portavoce militare Daniel Hagari. Si è trattato dell’episodio più grave per l’esercito israeliano dall’inizio della guerra. A causare la morte dei 21 soldati israeliani è stato un razzo anticarro lanciato dai “terroristi” che ha fatto esplodere e crollare due edifici in cui si trovavano i soldati. L’attacco è avvenuto nel campo profughi di Maghazi, nel centro della Striscia – non distante da confine – e non come sembrato in un primo momento a Khan Yunis. “Per quanto ne sappiamo – ha detto Hagari -, intorno alle 16:00 (di ieri e non nella notte) i terroristi hanno lanciato un razzo contro un carro armato che proteggeva i soldati e si è verificata un’esplosione in 2 edifici a 2 piani. Questi sono crollati, mentre i soldati erano dentro e vicino ad essi”.

CLICCA PER COMMENTARE

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

For security, use of Google's reCAPTCHA service is required which is subject to the Google Privacy Policy and Terms of Use.

I agree to these terms.

GLI ARTICOLI PIU' LETTI

©2020 Joint Srl · p.i. 03293900795