Seguici su

Cronaca

Caso presunta truffa Ferragni, indagato anche il manager della influencer

Pubblicato

in

Chiara Ferragni vista

Il “profitto” delle presunte truffe contestate a Chiara Ferragni per i casi del pandoro Balocco, delle uova pasquali Dolci Preziosi e della bambola Trudi, è “consistito anche nel rafforzamento mediatico dell’immagine della influencer”, perché l’imprenditrice ha guadagnato “dal crescente consenso ottenuto veicolando una rappresentazione di sé strettamente associata all’impegno personale nella charity”, ossia nella beneficenza. E’ quanto sostiene la Procura di Milano, come si legge nel provvedimento del procuratore generale della Cassazione sulla competenza territoriale. Ci sono “indici esteriori, di tenore non equivoco” su una “unitaria programmazione, nell’ambito di un medesimo disegno criminoso” delle presunte truffe sui casi pandoro, uova di Pasqua e bambola contestate a Ferragni, considerando la “unitarietà della spinta a delinquere”, la “analogia del ‘modus operandi’” e il “lasso temporale” tra gli episodi, ha aggiunto il pg della Cassazione nel suo provvedimento. In tutti e tre i casi, si legge, Ferragni ha pubblicato sui social post, stories e “video fuorvianti” per i consumatori. Intanto anche Fabio D’Amato, manager e stretto collaboratore di Chiara Ferragni, è indagato per truffa aggravata per i casi del pandoro e delle uova di Pasqua nell’inchiesta della Procura di Milano. Risulta sempre dal provvedimento del pg della Cassazione sulla competenza territoriale della Procura milanese ad indagare.

CLICCA PER COMMENTARE

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

For security, use of Google's reCAPTCHA service is required which is subject to the Google Privacy Policy and Terms of Use.

I agree to these terms.

GLI ARTICOLI PIU' LETTI

©2020 Joint Srl · p.i. 03293900795