Seguici su

Cronaca

Questione migranti, ancora sbarchi negli ultimi giorni. Nel 2023 aumento del 50% rispetto al 2022

Pubblicato

in

Guardia costiera Carabinieri Lampedusa migranti sbarchi

Non accennano a fermarsi gli sbarchi di clandestini, anche a fine anno e con condizioni meteo marine non sempre clementi. La nave Ocean Viking con 244 persone è appena giunta a Bari mentre altre sessanta clandestini dovrebbero sbarcare dalla Open Arms a Genova lunedì prossimo. Anche la  Geo Barents, con 336 naufraghi, arriverà presto a Ravenna. Il flusso infinito di profughi verso le coste italiane prosegue dunque, chiudendo un bilancio che nel 2023 ha visto aumentare del 50% il numero di migranti sbarcati rispetto all’anno precedente.

Secondo i dati provenienti dal Viminale, fino allo scorso 29 dicembre le persone che in un anno hanno raggiunto il nostro Paese sono state 155.754 (oltre 17mila i minori stranieri non accompagnati), mentre nello stesso periodo, nel 2022, erano state 103.846. Il maggior numero di persone sbarcate, ossia 25.673 in un mese, è stato raggiunto nell’agosto dello scorso anno. Queste cifre molto probabilmente sono dovute anche alla crisi economica e politica in Tunisia, diventata la nazione di prima scelta per chi fugge dall’Africa, e alcune strategie – secondo quanto denunciato anche dal governo italiano – messe in atto dai mercenari della Wagner al soldo di Mosca per esasperare il fenomeno migratorio. Cifre più alte che nel 2024 si spera possano ridurre l’impatto dopo l’accordo raggiunto in Europa nel Patto su migranti, attraverso una distribuzione più equa dei richiedenti asilo all’interno dei territori dell’Unione.

Tra gli ultimi naufraghi sbarcati ci sono i 244 arrivati a Bari con la nave Ocean Viking della ong Sos Mediterranée, che arrivano da Eritrea, Sudan, Bangladesh, Pakistan e Siria: alcuni saranno saranno accolti nei centri pugliesi e altri invece andranno in Calabria. “Ci sono anche due donne incinte e diversi minori non accompagnati”, ha detto il medico della nave, anche lui eritreo, spiegando che i migranti “sono stati salvati in tre operazioni diverse di salvataggio”. Altri sbarchi sono stati registrati nelle ultime ore a Lampedusa, dopo le operazioni di soccorso da parte di una motovedetta di Frontex che ha messo in salvo 79 persone su tre diverse imbarcazioni. Altre tredici sono invece giunte nel sud della Sardegna e alle autorità hanno dichiarato di essere tunisini: tra loro dodici uomini e una donna, tutti privi di documenti d’identità e arrivati poco prima su un’imbarcazione di fortuna.

La nave di Open Arms con a bordo circa sessanta migranti salvati in area libica è invece attesa nel porto di Genova nella mattinata di lunedì, nel giorno di capodanno. Tutto è pronto anche a Ravenna per l’arrivo della Geo Barents della ong di Medici senza frontiere, con 336 migranti a bordo, previsto per martedì prossimo, il 2 gennaio. Dopo lo sbarco i migranti saranno poi trasferiti con pulmini della Croce rossa italiana al palazzetto dello sport dove sono in via di allestimento i laboratori sanitari per le visite mediche speditive. La Prefettura ravennate ha già predisposto un servizio di trasporto di 112 migranti che saranno accompagnati a Milano per essere accolti nei centri in Lombardia, altri 112 andranno invece in Toscana e i restanti 112 rimarranno in Emilia Romagna per essere poi distribuiti tra le varie province.

CLICCA PER COMMENTARE

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

For security, use of Google's reCAPTCHA service is required which is subject to the Google Privacy Policy and Terms of Use.

I agree to these terms.

GLI ARTICOLI PIU' LETTI

©2020 Joint Srl · p.i. 03293900795