Seguici su

Tutte le notizie

Previsioni Prometeia: economia italiana rallenta. Pil solo allo 0,4% nel 2024

Pubblicato

in

Monitor borsa economia pixabay

L’economia italiana “è ferma da un anno”, procede con il freno a mano tirato e il Pil, che quest’anno chiude a +0,7%, si attesterà a +0,4% nel 2024, allo stesso livello della crescita dell’Eurozona. Il Pil mondiale segnerà invece un progresso del 2,6%. Queste le nuove previsioni di Prometeia, (società di consulenza e ricerca economica fondata quarant’anni fa dallo scomparso Beniamino Andreatta) che sul fronte dell’inflazione stima un rallentamento che l’anno prossimo porterà l’indice al 2,1% e nel 2025 all’1,9%. La core inflation rimarrà però al 2,5% il prossimo anno e scenderà verso il 2% solo successivamente. L’istituto segnala nell’alto debito pubblico il principale ostacola da superare per l’Italia e indica nel Pnrr una possibile leva di crescita. Alla fine del 2024 i livelli di Pil saranno comunque superiori del 4,2% rispetto al 2019, quelli di occupazione del 2,9%, pari a 745mila occupati in più, il tasso di disoccupazione più basso di 2,2 punti percentuali: risultati che si riflettono in un risparmio finanziario delle famiglie cresciuto di 160 miliardi di euro e in un saldo finanziario delle imprese produttrici migliore per 150 miliardi.

Per il quarto trimestre dell’anno Prometeia stima una lieve contrazione del Pil (-0,1%), dovuta soprattutto alla frenata dei consumi. L’eredità lasciata al 2024 sarebbe quindi leggermente negativa (-0,1%). Nell’ipotesi che non ci siano ulteriori shock internazionali, nei prossimi trimestri si potrà riavviare una ripresa che porterà l’economia italiana a crescere e l’incremento tendenziale passerà dal -0,1% di fine 2023 a +0,8% di fine 2024. L’economia italiana – secondo Prometeia – può uscire da questa fase non particolarmente appesantita da zavorre e dunque pronta a cogliere le opportunità che il nuovo scenario internazionale fornirà. Ma dovrà far fronte al problema del debito pubblico, che è cresciuto rispetto al 2019 di circa 6 punti. L’indebitamento era all’1,5% del Pil nel 2019 e sarà verosimilmente al 5,3% nel 2023. Qualunque forma prenderà il Patto di Stabilità e Crescita in discussione a Bruxelles, i nostri conti pubblici dovranno affrontare un percorso di riduzione del debito.

Con politiche monetarie e fiscali che potranno essere al più neutrali, in un contesto internazionale in cui le tensioni geopolitiche e le difficoltà della Cina proiettano scenari di crescita del commercio molto meno dinamici che in passato, le leve della crescita dovranno essere trovate in Europa e direttamente in Italia. In pratica – spiega Prometeia – dovranno provenire “per la maggior parte nel Pnrr, a disposizione fino al 2026”. “Proiettiamo la crescita del Pil effettivo dell’Italia nel biennio 2025-2026 allo 0,8%, dunque superiore alla crescita potenziale, proprio tenendo conto degli effetti espansivi delle misure finanziate col Pnrr”, spiega l’analisi dell’istituto di ricerca. Un’ultima previsione riguarda i tassi. “Il calo dell’inflazione corrente – spiega il rapporto – si rifletterà sul calo dell’inflazione attesa e porterà a un aumento dei tassi di interessi reali, che sarà più sostenuto fintanto che le principali banche centrali lasceranno invariati i tassi di interesse nominali. Nel contesto di una forte debolezza economica globale, riteniamo dunque probabile una prima riduzione dei tassi a partire da giugno per la Fed e luglio per la Bce”.

CLICCA PER COMMENTARE

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

For security, use of Google's reCAPTCHA service is required which is subject to the Google Privacy Policy and Terms of Use.

I agree to these terms.

GLI ARTICOLI PIU' LETTI

©2020 Joint Srl · p.i. 03293900795