Seguici su

Politica

Bruxelles, incontro tra Macron e Meloni alla vigilia del Consiglio europeo

Pubblicato

in

Macron Meloni vista

Il presidente del consiglio Giorgia Meloni e il presidente francese Emmanuel Macron si sono incontrati a Bruxelles alla vigilia di un Consiglio europeo che si preannuncia estremamente importante in quanto tratterà dei temi dell’allargamento all’Ucraina e dei bilancio europeo, con sullo sfondo l’incognita del Patto di stabilità. “E’ stata un’ottima discussione”, ha detto Macron al termine dell’incontro, cominciato nella tarda serata dopo il vertice tra Ue e Balcani Occidentali, lontano. Il meeting è avvenuto nel bar dell’hotel dove entrambi i leader alloggiano e dove, tra l’altro, soggiorna anche il cancelliere tedesco Olaf Scholz, che era seduto nella stessa sala. Dapprima ha salutato i presidenti Meloni e Macron, poi si è trattenuto a lungo, in un tavolo vicino, con il suo staff. Dopo un po’ di tempo, finita la riunione con i suoi, si è seduto al tavolo del presidente francese e della premier italiana. Dall’incontro fonti ufficiali non hanno fatto trapelare pressoché nulla. Ma, nonostante i volti distesi che si vedevano al tavolo, i temi da trattare erano caldissimi. Con l’Italia pronta quasi al tutto per tutto – tanto da evocare il veto – per evitare che sul nuovo Patto di stabilità prenda forma un compromesso considerato troppo punitivo per i Paesi ad elevato debito.

Sul dossier della revisione del bilancio 2021-27 Roma e Parigi sono sul fronte opposto a quello della Germania e dei frugali, e chiedono che l’Ue metta a disposizione più risorse su migrazione e innovazione dell’industria, oltre che per il supporto all’Ucraina. La posizione di Kiev, molto probabilmente, è stata discussa durante l’incontro, avvenuto sotto gli occhi di alcuni cronisti, dello staff della presidenza del Consiglio, del ministro per gli Affari Ue, il Sud, la Coesione e il Pnrr Raffaele Fitto e dei diplomatici di stanza presso le istituzioni europee. La riunione si è consumata infatti a poche ore dal summit Ue sui cui si preannunciano scintille tra l’Ungheria e gli altri 26 sull’apertura ai negoziati per l’ingresso di Kiev. Da fonti europee, a notte inoltrata, è filtrato un moderato ottimismo. Alcune fonti di Palazzo Chigi hanno chiarito che si sta lavorando ad un bilaterale tra Meloni e Orban a margine del vertice dei 27.

CLICCA PER COMMENTARE

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

For security, use of Google's reCAPTCHA service is required which is subject to the Google Privacy Policy and Terms of Use.

I agree to these terms.

GLI ARTICOLI PIU' LETTI

©2020 Joint Srl · p.i. 03293900795